DON LUIGI STURZO. UN PENSIERO RIBELLE PER IL XXI SECOLO

L’Appello agli uomini liberi e forti è il manifesto pubblicato da Don Luigi Sturzo il 18 gennaio 1919.
Liberi da cosa e forti in che cosa? All’inizio del XXI secolo, Don Luigi Sturzo mostra tutta la sua attualità. La libertà degli uomini è messa in pericolo da un pensiero unico appiattito su un “politically correct” spietato, che vorrebbe usare persino i tribunali per imporsi e diffondere soggezione. Chi sarà tanto forte da ribellarsi alla “verità del potere” per riaffermare coraggiosamente il “potere della verità”? Chi saprà scrollarsi di dosso la paura di essere cittadini di un’Italia che “ha una grande missione civilizzatrice”, e farla valere davanti ai paladini della gobalizzazione selvaggia? Chi si ribellerà ai “sacerdoti del globalismo” insensibili alle sofferenze delle “vittime collaterali” denunciate da Zigmunt Bauman? Chi avrà la libertà e la forza di insorgere contro il nuovo imperialismo finanziario e i suoi servi, diffusi nella politica? Chi rifiuterà l’omologazione al potere “politically correct” che eleva a “diritto umano” ogni perverso desiderio? Chi sarà così “libero e forte” da ripartire dall’impegno politico nella comunità municipale? Chi avrà il coraggio di affrancarsi dall’arroganza dei “liberalismi settari” che utilizzano lo stato “centralizzato” per imporre una potere unico, che “fa tutto lui” fino a prescrivere “una sua verità superiore” che elude il buon senso e la volontà del popolo?
Sturzo è, ancora oggi, l’uomo ribelle che il potere totalitario contemporaneo vorrebbe mandare in esilio, perché non riesce a piegarlo alla sua verità.
E’ di questi uomini che abbiamo bisogno.

Calogero D’Ugo, LUIGI STURZO E LE SUE ATTIVITA’ SOCIO-POLITICHE, Edizioni Solfanelli, 2016.

1 comment
  • idmfreedownload.org
    marzo 6, 2018 at 6:44 pm

    Questo è un consiglio molto buono in particolare per quelli freschi della blogosfera.
    Informazioni semplici ma molto precise … Grazie per aver condiviso questo.
    Un articolo da leggere!

    Reply

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *