POLITICALLY CORRECT, Limiti e Rischi.

 

Riflessioni alla luce della Dottrina Sociale Della Chiesa

In occasione della festa di MARIA Assunta in Cielo, riflettiamo su un tema caro alla cultura dominante, al mainstream, che tesse trame apparentemente nobili, tendenti ad avere attenzione alla persona, alla sua sensibilità e alla sua condizione. In realtà il politicamente corretto si rivela una trappola, un modo elegante e, alle volte, barocco, come i termini che escogita, per imporre una visione della realtà che finisce per essere un attentato alla libertà, alla democrazia e, infine, alla Ragione e alla Fede cristiana che, di suo, reclama una visione realista della vita. MARIA Assunta ci dice che nel tempo viviamo condizioni passeggere e tutte, nessuna esclusa, con un grande significato che va oltre, verso un destino eterno fatto di senso e pienezza divina. MARIA Assunta è il suono delle campane a festa che annuncia che oltre le cose di qua giù, ci sono le cose di lassù e la DSC diffonde tale annuncio tessendo questa relazione nel mondo. Il tentativo di cambiare la realtà per mezzo delle parole è falsificante, irrealistico, disumanizzante. Infine il fenomeno “politically correct” rivela la presenza di think tank e lobby, in genere, che attraverso il potere mediatico e una produzione ideologica ben propagandata, vogliono imporre, anche per legge, la loro visione politica al loro prossimo.

Santa Festa dell’Assunta e Buona visione.

 

 

 

F.to Società Domani

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *